gpt skin_web-moda-0
gpt strip1_generica-moda
gpt strip1_gpt-moda-0
1 5

Krav Maga: una disciplina di autodifesa

Il Krav Maga è una disciplina di autorifesa moderna, particolarmente adatta per le sue caratteristiche a noi ragazze. Ne abbiamo parlato con il Maestro Luigi Greci, esperto di Krav Maga

Abbiamo intervistato il Maestro Luigi Greci, esperto di Krav Maga: si tratta di una disciplina di arti marziali perfetta per l'autodifesa femminile. Se avete voglia anche voi di scoprire una disciplina che vi permetta di andare in giro più sicure, leggete l'intervista!

Maestro Luigi Greci, cos'è il Krav Maga?

In Ebraico moderno Krav Maga significa letteralmente "combattimento con contatto" ma nella sua accezione piu' usata si tradurrebbe in "combattimento corpo a corpo". Spesso ed erroneamente esso viene indicato come sistema utilizzato per la difesa personale ,in realta' il KM ha una componente spiccatamente offensiva che prevede spesso di attaccare l'avversario prima di essere attaccati e neutralizzarlo . Per questo, al fine di evitare problemi di natura penale, puo' essere utilizzato solo in casi di estremo pericolo per la propria vita (violenza da strada, stupri, rapine, sequestri ecc. rivolto alla propria persona o su quella dei nostri cari o destinata alla persona da scortare) .
Attualmente il KM e' utilizzato per l'addestramento di tutti i corpi di sicurezza israeliani.

Quali sono le origini di questa disciplina? A quale altra disciplina può essere paragonata?

Il neonato stato d'Israele, sin dal 1948 si trovo' ad affrontare un perenne stato di guerra, spesso i soldati fronteggiavano i nemici in combattimenti corpo a corpo, cosi' lo stato maggiore incarico' Imi Lichtenfeld (campione di lotta e pugilato) di creare un sistema di combattimento efficace ma rapido. Il risultato desiderato e' la neutralizzazione definitiva dell'avversario anche prima che diventi una minaccia con un mix di colpi e leve articolari portati quasi sempre in zone vitali del corpo.
Esiste una versione civile del KM che e' quello che noi insegnamo in quanto sarebbe una inutile perdita di tempo addestrare normali cittadini al combattimento con e contro fucili mitragliatori con baionette inastate, discese in corda doppia o liberazione di ostaggi.
Tutte le discipline marziali, spesso di origine orientale, prediligono un approccio difensivo ed associano sistemi filosofici e spirituali, il KM prescinde da tutto questo, rispondendo a criteri prettamente militari applicati in contesti bellici, neutralizza fisicamente il nemico senza troppi complimenti.


Bisogna avere delle basi particolari per avvicinarsi al Krav Maga?
Chiunque può praticare questa disciplina?
Nessuna requisito fondamentale e' richiesto per iniziare a praticare il Krav Maga ne' fisico ne' tantomeno conoscitivo, la frequenza puo' iniziare gia' dai 7-8 anni. E' idealmente possibile organizzare persino corsi di Krav Maga per i portatori di Handicap, addirittura in carrozzella , per associazioni di donne maltrattate e corsi di antibullismo per gli allievi piu' giovani (e a tal proposito vorrei sensibilizzare le istituzioni locali) dei comuni di Roma e Guidonia in quanto potrei organizzare dei corsi di Krav Maga studiati apposta per i portatori di Handicap , addirittura in carrozzella , per associazioni di donne maltrattate e corsi di antibullismo per gli allievi piu' giovani. Quindi Vi chiedo ufficialmente se potete farvi promotori di questa nuova iniziativa sociale .

Perchè il Krav Maga è così efficace per l'autodifesa?
Indubbiamente la risposta e' la facilita', l'efficacia e la velocita' nell'apprendimento, e' una disciplina moderna, attuale, che studia situazioni che realmente potrebbero accaderci tutti i giorni e in tutti gli scenari , si pensi a come puo' cambiare una tecnica di reazione se noi siamo al volante di una macchina, o in acqua , o se una donna e' vestita con tacchi alti e gonna. Il KM quindi non e' anacronistico come la quasi totalita' delle arti marziali insegnate oggi.

Sono molte le ragazze che frequentano i suoi corsi?

I miei corsi hanno una frequenza di allieve che si attesta al 30% del totale partecipanti , questo secondo me e' un divario che con il tempo si dovra' colmare in quanto l'approccio ad un corso di Krav Maga e' prettamente maschile, essendo questa una disciplina di derivazione militare e risolutiva il neofita pensa che ci voglia molta cattiveria e forza fisica per metterlo in opera, in realta' la semplicita' nell'apprendimento e le tecniche da me insegnate ne fanno uno strumento indispensabile per ogni donna. Io le metto in condizione di competere, con qualche trucco , ad armi pari con un'uomo (a proposito in Israele le donne prestano servizio militare attivo in scenari bellici e il krav maga fa' parte dell'addestramento)


Oltre all'autodifesa, quali sono i benefici di questa disciplina?
Indubbiamente tutti i partecipanti ai miei corsi acquistano quasi subito una sicurezza in se stessi che prima non avevano, sanno che adesso hanno una possibilita' in piu' di difendersi, capiscono che non devono subire passivamente un offesa perpetrata nei loro confronti. Gia' questo li fa sentire meglio, piu' sicuri e consci dei loro mezzi.
Poi piano piano viene fuori quello che e' chiamato Killer Istint che non e' l'istinto killer ma l'istinto di sopravvivenza, quello che ti aiuta a riportare a casa la pelle , in questa fase l'allievo impara a scomporre ed analizzare la situazione di pericolo e prende decisioni sulla controffensiva .
Le mie allieve inoltre imparano a mettere in pratica, nella vita di tutti i giorni , alcuni miei consigli come ad esempio il camminare dal lato della strada sempre piu' illuminato e frequentato , passeggiare sempre con la borsa dalla parte del muro e possibilmente sulla spalla del braccio non preferito (il quale sara' il primo che colpisce) ,usare strumenti tipo penne o fermagli per capelli per colpire punti delicati come gola e occhi ,scappare immediatamente dopo aver messo fuori uso il malintenzionato ecc.

Come sono articolate le lezioni? (durata, frequenza etc)
Le lezioni si svolgono ,per i principianti, una volta a settimana per due ore di lezione continuative ,mentre per i gradi piu' avanzati si richiede una frequenza che va' dai due ai tre appuntamenti settimanali, sempre per due ore di lezione.
Si inizia sempre con uno scioglimento delle articolazioni stretching, per passare ad una ginnastica volta al potenziamento muscolare, soprattutto addominali , spalle, pettorali e gambe , poi iniziamo con l'esercitazione sulle tecniche di combattimento da strada, quali colpi di pugno, gomitate , ginocchiate, testate, ma soprattutto tecniche di calcio.
Si passa poi alle tecniche di Krav Maga, iniziando con quelle contro armi da fuoco, da taglio e bastoni per continuare con quelle contro offese a mani nude. Queste tecniche vanno poi provate in circuito, ossia una persona si mette al centro di un cerchio formato da tutti gli altri allievi che a turno attaccheranno a piacimento e in velocita', la risposta dell'esercitando dovra' essere fulminea ed efficace usando le tecniche che fanno parte del proprio bagalio conoscitivo a seconda del grado che ricoprono. Da noi non si fanno sconti.


Come è nata la sua passione per le arti marziali?
La mia passione per le arti marziali fu' indotta da mio padre Massimo (cintura nera di Karate Shotokan) che all'eta' di 6 anni mi mando' a praticare lo Judo presso la Guardia di Finanza di Roma, ma gia' a 8 anni iniziai a praticare il Taekwondo con i Maestri piu' bravi e quotati del panorama italiano , passando da Enzo Coteni ,che saluto e ricordo sempre con affetto, a Claudio Gramiccia , a Nicola Sambrotta a Win Bos . Le gare nel Taekwondo a contatto totale fecero il resto , il mio amore per le arti marziali mi porto' a girare il mondo rappresentando il mio paese come membro della Nazionale Italiana (in gare interstile,cioe' tutte le arti marziali contro tutte ,con un minimo di regolamento per stabilire le regole dei combattimenti) e i risultati non si fecero aspettare ,dandomi la possibilita di fregiarmi del titolo di campione Italiano nel 1990 , subito bissato nel 1991, ma la ciliegina sulla torta arrivo' nel 1992 in quel di Budapest dove conquistai il titolo di campione Europeo ,ripetendomi poi a Roma nel 1994 . All'epoca la mia passione per tutti gli sport da contatto mi porto' a militare sia nei Gladiatori Roma che nelle Linci Roma, squadre di football americano della mia citta' . Le soddisfazioni piu' grandi pero' le ho avute da Istruttore prima ,e da Maestro poi ,in quanto capii che se i ragazzi miei vincevano e si distinguevano su tutti i ring d'Italia era solo ed esclusivamente perche' io sapevo comunicare i miei insegnamenti, c'era una piena sintonia tra me e loro. Molti sono stati negli anni i campioni Italiani e regionali usciti dalle mie palestre .

 Perche' una ragazza giovane dovrebbe praticare Krav Maga?
Semplice. Le Loro menti sono limpide e dedite all'apprendimento, piu' sono giovani e piu' crescono con una forma mentis che consente loro di scomporre ,analizzare e trovare una soluzione in un millesimo di secondo ad una situazione di difficolta' che si pone loro davanti , superano l'ostacolo e ritornando a casa sane e salve, oltre al fatto che dopo poco tempo, in palestra da me, le reazioni diverranno istintive, pensando a quello che faranno subito dopo, mentre mettono in atto la reazione all'offesa subita, in un concatenarsi di pensieri ed azioni . Per qualsiasi informazione : info@continentalcombatfederation.it Grazie e buona difesa a tutti .
gpt native-bottom-foglia-moda
gpt inread-moda-0
gpt skin_mobile-moda-0