1 5

Come gestire il ciclo a scuola o all’università

/pictures/2014/10/30/come-gestire-il-ciclo-a-scuola-o-all-universita-3863226853[907]x[378]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-ros

Il ciclo mestruale può essere gestito con relativa facilità a scuola o all'università. Ecco qualche consiglio per farcela.

Come gestire il ciclo a scuola o all'università 

Uno dei più grandi problemi derivati dall'avere il ciclo è stare fuori casa. Certo, è facile dire di non avere grandi difficoltà con le mestruazioni quando si ha la possibilità di passare la giornata in tuta, distese sul divano e con una bella borsa dell'acqua calda sulla pancia, ma come la mettiamo con la scuola o l'università?

Iniziamo con il dire che raramente, salvo precise patologie, le mestruazioni possono interferire con le nostre attività quotidiane. Ricordiamo che lì fuori ci sono donne che fanno competizioni sportive, esami, interventi e ogni sorta di evento con il loro ciclo, non tanto perchè sono delle Wonder Woman ma perchè hanno trovato il modo giusto di gestirlo.

A scuola il segreto è stare comode: niente abiti che possano stringere o dare fastidio provocando mal di pancia e irrequietezza, come jeans slim o collant. Sì invece ad un paio di morbidi leggings di cotone o pantaloni della tuta. Per evitare fuoriuscite, nel caso abbiate un flusso abbondante, indossate delle coulottes elasticizzate sopra agli slip e fate in modo di avere sempre una scorta di assorbenti con voi, da cambiare almeno ogni 2-3 ore.

A volte il ciclo può fare sentire a disagio a causa dei cattivi odori quindi portate nello zaino anche un pacco di salviettine intime in modo che, durante l'intervallo, possiate darvi una breve rinfrescata. Infine, qualora soffriate di crampi dolorosi, fate in modo di avere con voi degli analgesici e una bottiglietta d'acqua oppure chiedete al bidello se gentilmente possa prepararvi una bevanda calda come una camomilla, per distendere i muscoli addominali. 

gpt native-bottom-foglia-ros
gpt inread-ros-0
gpt skin_mobile-ros-0