gpt skin_web-sos-0
gpt strip1_generica-sos
gpt strip1_gpt-sos-0
1 5

Come difendersi dal cyberbullismo

/pictures/2015/05/14/come-difendersi-dal-cyberbullismo-3394904890[1608]x[671]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-sos

Il cyberbullismo è una piaga sempre più presente nella nostra società. Ecco qualche consiglio per imparare a difenderci dai bulli sul web

Difendersi dal cyberbullismo

Il cyberbullismo, ovvero gli atti di bullismo perpetrati con l'aiuto di internet, è una delle principali piaghe della società di oggi. Diversi drammatici fatti di cronaca infatti hanno visto adolescenti tormentati su internet tanto da giungere a reazioni estreme e addirittura al suicidio.

I cyberbulli utilizzano per lo più piattaforme come ask, tumblr o in generale siti dove possono contare sull'anonimato e portare avanti le loro infamità in modo del tutto indisturbato.Spesso, poi, foto private mandate magari per gioco ad un compagno e diventano strumento di ricatto e prese in giro quando cominciano a girare sui social e per sms. Cosa fare noi per difenderci da questa situazione terribile? Ecco qualche consiglio:

Non fornite dati sensibili

Se vi iscrivete in un nuovo sito evitate di mettere a disposizione dati sensibili come nome, cognome, indirizzo e numero di telefono. Meno si sa di voi, meno sarà difficile tormentarvi con il bullismo.

Non diffondete foto sexy

Anche fosse il fidanzato di cui vi fidate più al mondo, diffondere tramite internet o cellulare una foto di cui potreste vergognarvi significa perdere totalmente il controllo sulla stessa.

Non date spago agli insulti

Se qualcuno dovesse iniziare a insultarvi non rispondete, nè per arrabbiarvi nè per chiedere spiegazioni. L'arma migliore contro i cyberbulli è l'indifferenza.

Avvisate gli amministratori del sito

Se le persecuzioni arrivano da un particolare sito, contattate l'amministratore dello stesso per segnalare l'utente che vi infastidisce e fare in modo che venga bannato. 

Avvisate qualcuno di cui vi fidate

E' importante che, nel caso in cui siate vittime dei bulli, vi rivolgiate senza vergogna a qualcuno di cui vi fidate. Potrebbe essere un genitorie, un amico, un professore o lo psicologo scolastico.

Avvisate le autorità competenti

La polizia postale si occupa di stanare le persone che commettono reati su internet e, nel caso dei cyberbulli, si può risalire tramite l'ID dei loro messaggi alla persona che li manda e a procedere con una denuncia.

Ricordate, essere vittime dei bulli non è una vergogna e abbiamo il diritto di reagire per fare in modo che queste persone vengano fermate!

 

gpt native-bottom-foglia-sos
gpt inread-sos-0
gpt skin_mobile-sos-0