gpt skin_web-sex-0
gpt strip1_generica-sex
gpt strip1_gpt-sex-0
1 5

Il diaframma vaginale: cos'è e come si usa

/pictures/2016/07/16/il-diaframma-vaginale-cos-e-e-come-si-usa-2746188737[850]x[354]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-sex

Il diaframma vaginale è un anticoncezionale molto efficace se usato nel modo corretto. Ecco come è fatto e come utilizzarlo.

Diaframma: com'è e come si usa

Tra i metodi contraccettivi a barriera c'è anche il diaframma vaginale. Forse uno degli anticoncezionali di cui si sente parlare meno, tra i meno utilizzati, soprattutto tra i più giovani. Ma si tratta di un contraccettivo che è bene conoscere. Una consapevolezza maggiore sul diaframma vaginale, infatti, potrebbe condurre molte coppie ad optare per questo metodo. Ecco allora una guida completa in cui vi parliamo del diaframma vaginale dalla A alla Z.

Ad ogni relazione la sua contraccezione: quale anticoncezionale scegliere? 

Diaframma vaginale, come è fatto?

Il diaframma vaginale è una coppa di gomma morbida con il bordo più spesso nel quale si trova una molla a spirale o una molla piatta oppure due archetti flessibili di metallo. Esistono vari tipi di diaframma, alcuni hanno anche una particolare forma, utile in caso di utero retroverso. In generale, però, è importante dire che il diaframma è disponibile in varie misure e sarà il medico specialista ad individuare quella più adatta ad ogni paziente. 

Preservativo, a cosa serve? Guida per principianti

Come agisce il diaframma vaginale

La funzione del diaframma vaginale è quella di costituire una barriera meccanica tra vagina e utero (per questo rientra negli anticoncezionali a barriera) e di mantenere la crema o gelatina spermicida a diretto contatto con il collo dell'utero. Gli spermicidi si spalmano sul bordo interno della coppa oppure possono essere introdotti in vagina prima dell'inserimento del diaframma. Proprio questi servono a scongiurare gravidanze indesiderate

Come si usa il diaframma vaginale

Sono molte coloro che non ne vogliono sapere nulla di diaframma vaginale, poiché la sola applicazione le terrorizza, "Meglio il preservativo!", dicono in molte. In realtà, basta seguire accuratamente le istruzioni date, per applicare il diaframma in tutta facilità. Sarà il medico o il consulente ad insegnare come mettere e togliere il diaframma. Questo, generalmente, va prima spalmato con lo spermicida e poi introdotto in vagina, prima del rapporto. Il diaframma andrà poi rimosso circa 6 ore dopo il rapporto sessuale.  E' bene ricordare, inoltre, che la crema spermicida perde di efficacia dopo 5 ore; perciò, se si vuole avere un rapporto quando sono trascorse più di 5 ore dall'applicazione del diaframma, occorre aggiungere altra crema o gelatina spermicida, senza togliere però il diaframma.

10 bugie sui preservativi

Cosa fare dopo aver tolto il diaframma vaginale

Dopo averlo tolto, il diaframma deve essere lavato con acqua fredda e sapone, accuratamente asciugato, e conservato cosparso di borotalco nella sua scatola. Tenuto con cura, il diaframma durerà due anni e più. Il diaframma è senz'altro un ottimo metodo a disposizione della donna che non voglia o non possa ricorrere ad altri contraccettivi. Il suo uso è anche indicato durante eventuali periodi di interruzione dell'uso della pillola.

Il diaframma vaginale: pro e contro

Come tutti i metodi contraccettivi, anche il diaframma vaginale ha pro e contro. Partiamo dal vantaggio che questo anticoncezionale ha e cioè quello di proteggere senza alterare la sensibilità nel rapporto sessuale (a livello fisico, di contatto, di sensazioni e di piacere, dunque, fare l'amore con o senza diaframma sarà identico). A differenza della spirale, invece, il diaframma non è un anticoncezionale abortivo, ma previene una gravidanza indesiderata, impedendo il passaggio degli spermatozoi.

Metodi contraccettivi, tutti i pro e i contro

Gli svantaggi, però, ci sono ed è bene metterli in evidenza: per prima cosa, pur essendo un contraccettivo di barriera, il diaframma non protegge dalla trasmissione di Mst (Malattie sessualmente trasmissibili). Secondo, c'è un 20 per cento di non efficacia di questo metodo contraccettivo, dunque, l'utilizzo del diaframma non scongiura del tutto una gravidanza inaspettata. 

Molti medici consigliano l'utilizzo del diaframma nelle fasi di pausa dalla pillola anticoncezionale.

Il diaframma vaginale: cosa è bene sapere

Per raggiungere il massimo di sicurezza il diaframma deve essere conservato in un certo modo, utilizzato correttamente e scelto nel modo più adeguato. Cerchiamo di sintetizzare cosa è bene sapere sul diaframma vaginale nell'elenco di seguito: 

1) della misura giusta 
2) ogni volta bene inserito in vagina 
3) sempre usato insieme ad una crema o gelatina spermicida 
4) usato ogni volta che si ha un rapporto sessuale, anche se incompleto

Clicca qui per scoprire molto altro sui metodi contraccettivi

gpt native-bottom-foglia-sex
gpt inread-sex-0
gpt skin_mobile-sex-0