gpt skin_web-sex-0
gpt strip1_generica-sex
gpt strip1_gpt-sex-0
1 5

Preservativo rotto: come prevenire e come intervenire se ormai è troppo tardi?

/pictures/2018/07/05/preservativo-rotto-come-prevenire-e-come-intervenire-se-ormai-e-troppo-tardi-2784015125[1000]x[418]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-sex

Potrebbe capitare anche a te di incappare nella tanto temuta rottura del preservativo. Ma se accade, cosa si fa? E, prima ancora che succeda, come evitarlo? Vi spieghiamo tutto in questa guida

Preservativo rotto: cosa fare?

Il preservativo è il metodo anticoncezionale più utilizzato tra i giovani. E’ comodo, veloce da applicare all’esigenza, evita gravidanze indesiderate e anche contagio di malattie sessualmente trasmissibili. Ma se il preservativo si rompe? Almeno una volta (e forse anche di più), sarà capitato a noi ragazze di pensare a questa ipotesi. “A me non capiterà mai”, ci siamo dette, ma in fondo, quell’incubo latente resta, perché, nella più sfiga delle sfighe, la tragedia del preservativo rotto potrebbe interessare anche noi. E, in tal caso, cosa fare?

Oggi, dopo avervi già spiegato, per filo e per segno, cos’è e come si usa il preservativo, analizziamo il lato più oscuro e temuto di questo contraccettivo che è, appunto, la sua rottura.

Perchè il preservativo si rompe?

Sono diverse le cause che possono portare alla rottura del preservativo. Per prima cosa conta la qualità. Esistono delle marche di preservativi che si conoscono da anni che, quando nominate, vengono automaticamente legate a questo prodotto. Un motivo ci sarà. Diffidate dai preservativi senza marche, dai profilattici low cost. Anche perché, pure quelli delle aziende più note, non hanno mai un prezzo esorbitante.

Usare il preservativo è fondamentale: ecco perché

Come conservare un preservativo

Un preservativo rotto può essere anche la conseguenza di una cattiva conservazione. Ci sono delle regole da conoscere, infatti, per conservare in ottimo stato un preservativo. Quali sono? Ve le elenchiamo di seguito:

  1. Mai tenere un preservativo in luoghi troppo caldi (da evitare, ad esempio, il portafoglio, il cruscotto della macchina o dello scooter, dove, invece, solitamente, i ragazzi li tengono riposti)
  2. Mai esporre per lungo tempo i preservativi alla luce e al calore del sole che potrebbe rovinare il lattice con cui i profilattici sono fatti (non tenete i preservativi nella tasca dei pantaloni in estate, ad esempio, o nella borsa del mare)
  3. Mai tenere i preservativi in frigorifero: c’è chi crede che tenuti al fresco durino più a lungo, ma è solo un falso mito;
  4. Per garantire una buona conservazione, i preservativi vanno tenuti in un luogo fresco e asciutto, in ombra e lontano da agenti atmosferici di qualunque tipo. Il cassetto del comodino ad esempio è un posto perfetto;
  5. Attenzione anche alla scadenza che si trova sulla confezione. Buttarli è un peccato, ma se la data stampata sul pacchetto è ormai oltrepassata, non esitate a cestinarlo

Preservarivo rotto: come si capisce

Spesso molti dubbi ci attanagliano persino in relazione all'effettiva rottura del preservativo. In molti hanno paura di ritrovarsi con il preservativo rotto senza accorgersene, o in qualche modo di non vedere che il preservativo si è rotto.

In generale non accorgersi che il preservativo si è rotto è abbastanza difficile: in primo luogo la rottura dovrebbe produrre del rumore, e in secondo poi ci si rende conto della rottura anche a livello di sensibilità dei genitali (il che vale soprattutto per l'uomo).

Se poi durante il rapporto non ce ne si accorge, è praticamente impossibile non vederlo a rapporto terminato. Generalmente se il preservativo si rompe si produce un vero e proprio squarcio evidente, mentre è molto più difficile che vi sia un singolo e invisibile foro sulla suoperfice. Ciò nonostante una volta terminato il rapporto è sempre bene controllare in modo attento l'integrità del preservativo, e se necessario fare un controllo riempiendolo di acqua.

Cosa fare in caso di preservativo rotto?

Se, ormai, è troppo tardi per queste accortezze, se, ormai, il guaio è fatto, bisogna reagire e seguire alcuni step. La prima cosa da fare è mantenere la calma. Può sembrare impossibile. Può sembrare un consiglio banale. Ma senza calma non si può avere la razionalità per pensare e per agire. Calmatevi, dunque. Poi ragionate sul fatto che i rischi del preservativo rotto sono due: malattie sessualmente trasmissibili e gravidanza indesiderata. Bisogna, dunque, indagare su entrambe le cose.

Preservativo rotto e MST

Partiamo dalle malattie sessualmente trasmissibili: dall’infezione più tranquilla alla più temuta HIV. Diciamo che le cose si complicano se il partner con cui abbiamo avuto il rapporto non protetto (o meglio, mal protetto) è occasionale. Se non lo conosciamo. Se è la follia di una notte. E se, dunque, non sappiamo a cosa stiamo andando incontro. Cosa fare in questo caso? Dei controlli al pronto soccorso entro 48 ore, dove uno specialista, se necessario, possa somministrare un trattamento di prevenzione. Per essere sicuri di non aver contratto l’HIV, inoltre, è necessaria un’analisi del sangue (entro 15 giorni), da ripetere anche a distanza di 4 mesi circa. Il medico farà delle domande specifiche per capire il motivo di quell’esame: meglio essere sincere e dire tutta la verità. Questo è, ovviamente, il caso più estremo.

In ogni caso, un rapporto con il preservativo rotto, potrebbe provocare anche il contagio di MST meno gravi. Il consiglio è quello di lavarsi subito dopo il rapporto sessuale con acqua tiepida, magari usando un sapone neutro. Se, a distanza di ore o giorni si dovessero avvertire dei fastidi, meglio consultare il ginecologo.

Preservativo rotto: sono incinta?

L’incubo di noi ragazze, soprattutto delle giovanissime che non cercano un figlio, è quello che il preservativo rotto possa portare ad una gravidanza indesiderata. Cosa fare in questo caso? La soluzione più rapida è quella di assumere la pillola del giorno dopo. Un cosiddetto contraccettivo d’emergenza ormonale che è efficace entro 72 ore dal rapporto. Si tratta a tutti gli effetti di un farmaco il cui scopo è quello di spostare in avanti l’ovulazione o inibirla, in modo da evitare la fecondazione. Come fare per ottenerla? Se siete maggiorenni non c'è bisogno di prescrizione, e ci si può semplicemente recare in farmacia e richiederla. Se invece si è minorenni è necessaria la prescrizione del medico: se per qualche motivo siete impossibilitate a recarvi tempestivamente dal medico è necessario recarsi in un pronto soccorso.

Ad ogni modo se il ciclo successivo dovesse tardare ad arrivare, sempre meglio fare un test di gravidanza. E lo stesso discorso vale se non si è presa la pillola del giorno dopo.

Preservativo rotto e gravidanza indesiderata

Mettiamo il caso che non abbiamo assunto la pillola del giorno dopo (e neanche quella dei 5 giorni dopo). Mettiamo il caso che il ciclo stia tardando ad arrivare e che, alla fine, l’unica cosa da fare sia il test di gravidanza. Mettiamo anche il caso che il test di gravidanza sia positivo. Cosa si fa ora? Sicuramente non è questa la sede per discutere di una situazione tanto delicata. Sicuramente una gravidanza inaspettata getta sempre nella confusione, nel panico, soprattutto se si è molto giovani. Ma, ritrovando un po’ di calma, se ci si riesce, non è il caso di fare le cose di fretta o per istinto. Scegliere di interrompere una gravidanza o di portarla avanti è sempre una decisione delicata, personale, che ci si porta dietro per tutta la vita, sia in un senso che nell’altro. Prendetevi il tempo necessario per capire. Parlatene con uno psicologo, recatevi in un consultorio. Cercate di arrivare con consapevolezza alla vostra scelta.

Preservativo o pillola: quale scegliere e perché?

Preservativo rotto: come evitare che accada

In questo articolo vi abbiamo illustrato, un po’ tutte le situazioni che potrebbero presentarsi in caso di preservativo rotto. Ci auguriamo, però, che siate arrivate a questa guida, prima che sia accaduto il "patatrac". Dunque, tenete bene a mente cosa è necessario fare per evitare la rottura del profilattico e tutte le sue conseguenze.

gpt native-bottom-foglia-sex
gpt inread-sex-0
gpt skin_mobile-sex-0